Le locations diventano strategiche e funzionali dal punto di vista della valorizzazione della sede stessa, in quanto si tratta sempre di piazze, castelli, musei e spazi verdi e le risorse “minori” diffuse sul territorio regionale, che meriterebbero una maggiore attenzione sotto il profilo di un loro eventuale potenziamento.

 

Comune di Torre Le Nocelle

Situato su uno sperone roccioso, il paese è posto a guardia della vallata del Calore, verso cui digrada dolcemente. Il nome, probabilmente, deriva da un errore di trascrizione per cui l’originario “Turrecella” fu trasfuso in “Turrenucella”. Le origini risalgono all’epoca romana: come dimostrano i ritrovamenti di tombe, lapidi, terrecotte, i resti di un acquedotto e tre colonne di marmo cipollino, ora custoditi nella Chiesa di S. Ciriaco. Area di transito verso l’antica Aeclanum appartenne prima ai Montefusco, poi ai Tocco, fino alla soppressione delle feudalità (1806).

 

Chiesa di San Ciriaco

La chiesa di San Ciriaco con facciata baroccheggiante è ornata da una finestra centrale e da uno stretto timpano con oculo. L’interno, a navata unita conclusa da un’abside profonda, è scandita da lesene ornate da capitelli di ordine corinzio e da un grande dipinto raffigurante una Deposizione di Cristo.

 

Torre Medievale 

Dell’antica torre non restano più tracce. Rifatta e inglobata nel XVIII secolo nell’angolo di un palazzo signorile, è oggi in parte visibile in Piazza Vittoria una torre quadrangolare settecentesca con falsa merlatura.

 

Comune di Torrioni

Chiesa di San Michele Arcangelo

La costruzione dell’edificio risale al XVIII secolo ed oggi mostra una semplice facciata caratterizzata dall’originario portale in pietra architravato sormontato da un pannello maiolicato raffigurante San Michele, mentre due basse monofore arcuate e vetrate sono sotto il timpano triangolare. All’interno dell’unica navata che conserva un soffitto ligneo cassettonato si trovano la statua del santo, alcuni arredi sacri del secolo scorso e l’altare marmoreo settecentesco.

 

Torre di Aione

Della Torre di avvistamento del IX secolo non restano più tracce. I ruderi del basamento e di parte delle cortine murarie del fortilizio visibili oggi fuori l’abitato si riferiscono ad una costruzione quadrangolare di epoca aragonese.

 

Villaggio Ecoturistico Montenigro

Il Villaggio Ecoturistico si sviluppa all’interno di un area di più di 32 mila mq; ricadente su un’area agro-turistica caratterizzata dal percorso naturalistico Aione. I sentieri naturalistici sono stati ripristinati secondo le tecniche di ingegneria naturalistica e l’area è stata dotata di bungalows in legno per garantire soggiorni turistici, spazi dedicati alla ristorazione,  area svaghi con maneggio e attrezzature sportive e spazio giochi per bambini.

 

Comune di Petruro Irpino

Chiesa di San Bartolomeo

L’impianto originario dell’edificio risale al XVIII secolo, ma l’intero corpo di fabbrica è stato ricostruito dopo i recenti sismi. La facciata, del tipo a capanna con due ali laterali minori, mostra oggi un parametro in conci regolari di calcare ed ha un semplice ingresso con superiormente una cornice marcapiano, una bassa lunetta vetrata ed una oculo nel timpano triangolare. All’interno troviamo qualche statua lignea policroma ed alcuni arredi sacri del secolo scorso. Annessa alla chiesa è la torre campanaria su tre livelli con monofore archivoltate all’altezza della cella ed orologio civico istallato nel 1985 dall’amministrazione e comunale.

 

Centro storico

Tra gli altri beni architettonici che si conservano in paese segnaliamo il signorile Palazzo Capozzi ed un’antica Fontana settecentesca a coppa, di forma quadrilobata, che mostra uno stemma a rilievo con leone rampante. Una serie di unità abitative tra le stradine del centro storico sono dotate di portali lapidei anche sette-ottocenteschi realizzati da artigiani del luogo. In Località Lago si trova, infine, la moderna Cappella di Montevergine, un piccolo edificio di culto con facciata a capanna a campanile a vela posizionato all’altezza dell’abside.